--:--
← Play story audio ↑
--:--

Lasciate che vi racconti la storia di un pollo. I suoi amici lo chiamano il Polletto Carletto. Il Polletto Carletto vive in una casa piccola e normale, in un paese piccolo e normale.

Non è né alto né basso. Non è né magro né grasso. Non è né intelligente né stupido. Il Polletto Carletto è un pollo del tutto normale.

Una mattina del tutto normale il Polletto Carletto sta facendo colazione in cucina. Mangia toast con il burro e beve il caffè con la panna.

Legge le notizie su internet. A un certo punto, vede una storia spaventosa con un titolo spaventoso: “IL CIELO STA CADENDO!”

Si spaventa così tanto che fa cadere il toast dentro il caffè. Plop!
“Il cielo sta cadendo! Il cielo sta cadendo!” grida il Polletto Carletto. “Devo dirlo a tutti!”

Subito manda un’email con la storia a mille dei suoi amici più cari. Poi corre in strada per dirlo a tutti gli altri.

La prima persona che incontra per strada è la Gallina Pina che sta tornando dal supermercato.

“Buongiorno, Polletto Carletto!” dice la Gallina Pina. “Dove stai andando? Perché sei così spaventato?”
“Il cielo sta cadendo! IL CIELO STA CADENDO!” dice il Polletto Carletto.

“Davvero? E come lo sai?” chiede la Gallina Pina.
“L’ho visto su internet!” dice il Polletto Carletto.
“Porca paletta! Deve essere vero!” dice la Gallina Pina. “Andiamo!”

E così il Polletto Carletto e la Gallina Pina corrono insieme verso lo stagno.

Quando arrivano allo stagno, incontrano la Paperella Lella che sta facendo il bagno.

“Ehi, voi due, ciao!” dice la Paperella Lella. “Dove state andando? Perché siete così spaventati?”
“Il cielo sta cadendo! IL CIELO STA CADENDO!” dicono il Polletto Carletto e la Gallina Pina insieme.

“Davvero? E come lo sapete?” chiede la Paperella Lella.
“L’ho visto su internet!” dice il Polletto Carletto.
“Oh no! Allora deve essere vero!” dice la Paperella Lella. “Andiamo!”

E così, il Polletto Carletto, la Gallina Pina e la Paperella Lella corrono insieme verso la fattoria.

Quando arrivano alla fattoria, trovano l’Oca Giulia che sta leggendo delle poesie al Piccione Paolone.

“Ciao a tutti!” dice l’Oca Giulia. “Dove state andando? Perché siete così spaventati?”
“Il cielo sta cadendo. IL CIELO STA CADENDO!”
dicono tutti.

“Davvero? E come lo sapete?” chiede il Piccione Paolone.
“L’ABBIAMO VISTO SU INTERNET!”
dicono tutti quanti.
“Santo cielo! Allora
deve essere vero!” dice l’Oca Giulia. “Adesso non c’è tempo per leggere poesie. Andiamo!”

E il Polletto Carletto, la Gallina Pina, la Paperella Lella, l’Oca Giulia e il Piccione Paolone corrono in paese.

Sulla strada principale incontrano la Volpe Rossana. È seduta in un bar e scrive al computer.

“Ciao a tutti!” dice Rossana. “Dove state andando? Perché siete così spaventati?”
“Il cielo sta cadendo! IL CIEEEELO STA CADEEENDO!!” gridano tutti quanti.

“Davvero? E come lo sapete?” chiede la Volpe Rossana.
“L’ABBIAMO VISTO SU INTERNET!!” urlano tutti quanti.
“Wow! Beh, allora deve essere vero!” dice la volpe. “Ma, amici, non vi preoccupate. So io dove possiamo andare a nasconderci. Seguitemi!”

La Volpe Rossana conduce tutti quanti attraverso il villaggio, lungo la strada, attraverso i campi e su per la collina. In cima alla collina c’è una grande caverna buia.

“Entrate! Entrate!” dice la Volpe Rossana. “C’è abbastanza spazio per tutti! Qui dentro il cielo non ci cadrà addosso. Siamo al sicuro.”

E così, uno dopo l’altro, il Polletto Carletto e tutti i suoi amici seguono la volpe dentro la caverna.

Il mattino dopo, il Polletto Carletto e i suoi amici sono scomparsi. La caverna è vuota.

Dove sono andati? Non lo sappiamo di sicuro. Ma vi dirò una cosa: la Volpe Rossana è contentissima. Ha la pancia gonfia e bella rotonda.

“Sciocchi animali,” dice. Si siede sotto un albero, prende il suo computer e ricomincia a scrivere.