TheFableCottage.com presents

Il Gabbiano e la Balena

The Seagull and the Whale in Italian

Become a member for audio!
--:--
← Play story audio ↑
--:--

Once upon a time there was a girl named Rapunzel. Rapunzel lived in a tall tower in the forest. The tower had no ladder, no stairs and definitely no elevator. There was no way to get up or down.

Why did Rapunzel live in a tower? Well, it all started with a witch...

C’erano una volta un gabbiano che amava una balena, e una balena che amava un gabbiano.

Il gabbiano amava il bellissimo sorriso della balena. Amava il modo elegante in cui lei nuotava nel mare.

La balena amava le piume bianche e graziose del gabbiano. Amava guardarlo mentre planava nel cielo.

Ed entrambi amavano mangiare tantissimi pesciolini.

In estate, il gabbiano e la balena si incontravano nella baia. Parlavano moltissimo: parlavano della luna, delle maree e delle navi sull’oceano.

Il gabbiano raccontava barzellette e la balena rideva. La balena cantava canzoni tristi e il gabbiano piangeva.

“Un giorno potrai venire nell’oceano a conoscere la mia famiglia,” disse la balena.
“E tu potrai conoscere i miei amici sulla terraferma,”
disse il gabbiano.
Era tutto perfetto.

Ma il mondo non smette di girare solo perché un gabbiano e una balena si innamorano. L’estate diventò autunno, e l’autunno diventò inverno. L’oceano divenne freddo, e tutte le balene andarono in cerca di acque più calde.

“Vieni con me dove ci sono acque più calde,” disse la balena. “È un posto meraviglioso. Fa sempre caldo, e ci sono tantissimi pesci da mangiare.”

“Amo mangiare il pesce,” disse il gabbiano. “E amo te. Ti seguirò ovunque. Ma prima insegnami come essere una balena.”

“Così!” disse la balena. “Seguimi!”, e si immerse nell’acqua.
“Va bene!” disse il gabbiano immergendosi nell’acqua.

Andò sempre più a fondo. “Sto nuotando!” disse ridendo. “Sono una balena!”

Ma presto non riuscì più a respirare, e respirando a fatica ritornò in superficie. Provò a nuotare, ancora e ancora, ma ogni volta restava senza fiato.

“Non penso che un gabbiano possa diventare una balena,” disse il gabbiano. “Vieni con me, invece. Io vivo sulle scogliere. È un posto meraviglioso. È caldo e accogliente, e ogni mattina puoi vedere il sole che sorge.”

“Amo guardare il sole che sorge,” disse la balena. “E amo te. Ti seguirò ovunque. Ma prima, insegnami come diventare un gabbiano.”

“Così!” disse il gabbiano. “Seguimi!” E sbattendo le ali cominciò a volare nel cielo.

“Ve bene!” disse la balena. Chiuse gli occhi con forza e cominciò a sbattere le pinne, proprio come faceva il gabbiano. Le sbatteva sempre di più, su e giù. L’acqua schizzava dappertutto. “Sto volando,” disse sorridendo. “Sono un gabbiano!”

Ma quando aprì gli occhi, si accorse che non stava volando. Era ancora nell’acqua.  Provò a volare, ancora e ancora, ma non ci riuscì.

“Non penso che una balena possa diventare un gabbiano,” disse la balena.
“Tu non sai volare, io non so nuotare. Dove possiamo andare a vivere insieme?” chiese il gabbiano.
“Resteremo qui – tra le onde!” disse la balena.

Ma il gabbiano scosse la testa con tristezza.
“A te piace nuotare sul fondo dell’oceano,” disse. “È la cosa che ti piace di più. Qui non sarai mai felice.”

“E a te piace volare e volteggiare nel cielo,” disse la balena. “È la cosa che ti piace di più. Qui non sarai mai felice.”

E quindi, siccome il gabbiano e la balena si amavano tantissimo, si dissero addio.

Ma mai si dimenticarono l’uno dell’altro. Ogni volta che la balena vedeva un gabbiano che volava alto nel cielo, ripensava al suo gabbiano. Sperava che anche lui fosse così: felice nel cielo.

E ogni volta che il gabbiano vedeva una balena che si tuffava nell’oceano, ripensava alla sua balena. E sperava che anche lei fosse così: felice nell’oceano.

As you know, witches can be very jealous. They particularly hate when people steal (that people are stealing) herbs from their vegetable gardens.

But unfortunately Rapunzel's mother did not know that about witches. Many years ago when she was pregnant with Rapunzel, she sneaked into the yard of her neighbour the witch, and stole a little parsley.

The witch saw her steal the parsley. She gave Rapunzel's mother two choices:

Based on "The Bird and The Whale", by Aletta. Illustrated by Aletta. Translated by Davide. Voiced by Andrea. Music by Ryan.